La sicurezza è una cosa seria!

Adottando una famosa pubblicità televisiva di diversi anni fa ……..la fiducia è una cosa seria e si dà alle persone serie…….. possiamo affermare che la SICUREZZA è una cosa seria che si fa alle persone serie.

Perché tale affermazione?

Nonostante i dati, su infortuni e decessi sui luoghi di lavoro nel 2018, recentemente forniti dall’INAIL, siano allarmanti e in crescita rispetto all’anno precedente, assistiamo sbalorditi a denunce come quelle apparse in TV qualche sera fa, con il servizio di Moreno Morello su Striscia la Notizia, dove un’agenzia formativa della bassa veronese, rilasciava con la massima tranquillità, attestati senza lo svolgimento dei corsi di formazione o con un numero irrisorio di ore, rispetto a quanto previsto dalla legge.

 

Noi di Parallelo 45, che abbiamo dato vita a centri di addestramento in cui ricreare situazioni lavorative, soprattutto le più pericolose, che investiamo decine e decine di migliaia di €uro, per garantire una formazione adeguata ai lavoratori in quelle attività dove ci si può fare tanto male se non addirittura perdere la vita, ci sentiamo offesi e demoralizzati.

Siamo convinti che una formazione corretta e ben fatta ti può salvare la vita, per questo noi di Parallelo 45 pensiamo di essere la struttura idonea per quei datori di lavoro che non “speculano” sulla sicurezza e che considerano i propri collaboratori come la risorsa primaria della propria azienda, da tutelare e valorizzare.

E’ statisticamente provato, che una giusta e regolare formazione dei lavoratori, riduce drasticamente in azienda, il numero degli infortuni e delle malattie professionali.

Il nostro slogan è NON C’È FORMAZIONE VERA SENZA ADDESTRAMENTO e nei centri Parallelo 45 di Rovigo, Piacenza e Verona, di esercitazione se ne fa veramente tanta.

Non vorremmo apparire presuntuosi, con atteggiamenti da primi della classe, né tanto meno mancare di rispetto ai tanti consulenti sulla sicurezza che operano con impegno e professionalità ogni giorno, ma quando parliamo di formazione “esperenziale” ad esempio sull’uso dei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), di esercitazioni in spazi confinati invasi dal fumo per simulare situazioni estreme, di lavori in quota, oppure di esercitazioni con attrezzature pericolose quali piattaforme di lavoro elevabile, carrelli elevatori, trattori e macchine movimento terra, o di prove pratiche antincendio per corsi a rischio medio ed elevato, non ci si può limitare a rappresentazioni teoriche in aula o a qualche breve esercitazione su un piazzale o in un angolo dell’azienda ospitante, come talvolta accade, ma l’esercitazione deve avvenire in strutture permanenti destinate unicamente alla formazione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.

Noi di Parallelo 45 prendiamo, pertanto, le distanze dai cosiddetti “attestifici”, ovvero dalle agenzie formative che rilasciano attestati senza partecipazione ai corsi, da chi sviluppa il proprio business incurante del fatto che questa condotta, può procurare infortuni gravi o addirittura vittime sui luoghi di lavoro.

Ci impegneremo affinché i centri di addestramento Parallelo 45, possano svilupparsi in ambito nazionale ed essere riconosciuti dall’INAIL quali centri di formazione specializzati, attribuendo a quelle imprese che svolgono al loro interno la formazione dei propri lavoratori, un punteggio maggiore nella compilazione dell’OT24 per una giusta riduzione del premio annuale INAIL.

Seguici!
No Comments

Post A Comment