CIVA – Il nuovo portale telematico INAIL, cos’è e a cosa serve?

Le denunce e le verifiche di attrezzature ed impianti in azienda sono strumenti fondamentali per una corretta gestione della sicurezza e delle manutenzioni, di conseguenza, averle sotto controllo è di estrema importanza per tutti i Datori di Lavoro, R.S.P.P. o HSE Manager.

A partire dal 27 maggio 2019, INAIL con la circolare N°12 del 13 maggio 2019 ha attivato l’applicativo CIVA, che mira a digitalizzare le operazioni che fino ad oggi avvenivano in modo del tutto cartaceo e che a volte nel tempo potevano andare perse o nel dimenticatoio.

Come funziona il CIVA?

Al portale CIVA è possibile accedere mediante il sito online www.inail.it selezionando “ACCEDI AI SERVIZI ONLINE” in alto a destra (si veda figura).

 

 

Le figure abilitate ad accedere ai servizi CIVA sono:

  • Rappresentante legale dell’azienda;
  • Delegato ai servizi;
  • Consulente per le attrezzature e impianti (nuova figura).

Le varie figure che accedono diversificano sui passaggi da compiere, ma grosso modo, il risultato non cambia.

Una volta che si è effettuato l’accesso, è possibile richiedere all’Inail le prestazioni riguardanti collaudi, verifiche, ed altre attività di controllo per garantire la sicurezza di macchine, apparecchi, ed impianti utilizzati nei luoghi di lavoro. Elenchiamo di seguito le attività divise per settori, disponibili nel menu a tendina, che compaiono dopo aver effettuato il login;

Ascensori e Montacarichi da Cantiere

  • Immatricolazione;
  • Prima verifica periodica.

 

 

 

Sollevamento

  • Immatricolazione;
  • Prima verifica periodica;
  • Riconoscimento idoneità per ponte sollevatore per autoveicoli;
  • Riconoscimento idoneità prototipo per ponte sollevatore per autoveicoli;
  • Prestazioni su macchine non marcate CE:
  • Collaudo per verifica di omologazione;
  • Collaudo per verifica di omologazione con approvazione progetto singolo.

 

Apparecchi a Pressione

  • Verifica di messa in servizio;
  • Verifica e dichiarazione di messa in servizio (richiesta Contestuale);
  • Dichiarazione di messa in servizio;
  • Dichiarazione di messa in servizio art.5 DM 329/04 comma b,c,d;
  • Prima verifica periodica.

 

Impianto di riscaldamento

  • Approvazione progetto (DM 01-12-75);
  • Verifica primo impianto di riscaldamento (DM 01-12-75);
  • Prima verifica periodica.

 

Impianti di messa a terra e protezione scariche atmosferiche

  • Denuncia di Impianti Di Messa A Terra;
  • Denuncia di Impianti Per Scariche Atmosferiche.

 

Oltre alle richieste sopra, l’utente può richiedere anche i seguenti servizi che sono comuni a tutti i settori:

  • Richiesta documentazione varia (ad eccezione, in questo rilascio, del settore Pressione);
  • Voltura Per Acquisizione Impianto/apparecchio;
  • Voltura Per Cessione Impianto/apparecchio;
  • Richiesta Visualizzazione Apparecchi/pratiche.

 

 

 

Come si utilizza il CIVA e quali vantaggi offre?

 

Il nuovo applicativo, nasce appunto, per consentire una migliore tracciabilità delle varie fasi di iter amministrativo, (come ad esempio: emissione della matricola, richiesta di documentazione integrativa, assegnazione del tecnico, ecc.), e per permettere a ciascun utente di visualizzare la lista degli impianti e degli apparecchi ad esso associati con indicazione della relativa matricola.

Per l’attivazione di tutte le nuove pratiche, sarà pertanto obbligatorio, utilizzare l’applicativo CIVA, mentre per quanto riguarda le vecchie pratiche, queste, sono già disponibili e caricate dagli archivi cartacei all’interno del portale.

N.B. Se accedendo al portale non è possibile trovarle è possibile cliccare su: ”RICHIESTA DI VISUALIZZAZIONE APPARECCHI/PRATICHE”, e procedere.

 

Vediamo assieme come è semplice procedere per le nuove pratiche facendo un esempio di RICHIESTA DI PRIMA VERIFICA PERIODICA DI UN AUTOGRÙ.

È sufficiente selezionare dal menu a tendina l’attività che si desidera effettuare:

  1. Selezione del Settore (Sollevamento),
  2. Selezione della Prestazione (Prima Verifica Periodica),
  3. Selezione della tipologia di Apparecchio (Autogrù).

 

 

L’applicativo poi fornirà tutti gli apparecchi afferenti al proprietario e sarà possibile selezionare quello desiderato, altrimenti, se non è presente alcun apparecchio, è possibile digitare il numero matricola.

L’applicativo funzionerà anche per comunicare all’Istituto l’acquisizione, la cessione o la dismissione dell’attrezzatura.

 

Per avere maggiori informazioni su come procedere per il completo utilizzo del portale è disponibile al seguente link il manuale per l’utilizzo.

Le prestazioni, ed i servizi INAIL, risulteranno molto più veloci, per via delle modalità di comunicazione e di richiesta integrazioni, che avverranno direttamente all’interno del portale, nell’area comunicazioni o mediante PEC. Anche per le modalità di pagamento dei servizi, sarà tutto più veloce, in quanto potranno avvenire mediante Bonifico Bancario, Bollettino Postale, oppure attraverso il pagamento veloce con PagoPA sempre attraverso il sito INAIL.

 

Per concludere si può affermare che con il CIVA si vanno a migliorare le modalità e la velocità di comunicazione con INAIL ed il relativo iter di verifiche e denunce, tuttavia essendo molti gli ambiti impiantistico normativi, consigliamo per le aziende con numerose tipologie di impianti ed attrezzature di affidarsi ad un consulente, accreditato al portale CIVA il quale dopo vostra delega (praticabile direttamente dal portale) potrà periodicamente gestire e predisporre la documentazione ed i sopralluoghi con INAIL. Il Datore di Lavoro, accedendo al portale, avrà sempre sotto controllo lo stato delle sue pratiche e impianti.

 

 

 

Seguici!
No Comments

Post A Comment